Tag Archives: life

Hanami Monday Moodboard

20 Mag

Hanami (花見).

E’ una parola giapponese che significa “ammirare i fiori“.

Nello specifico, la fioritura dei ciliegi, o Sakura (sì, tutti all’inizio pensiamo a “pesca a tua carta Sakuraaaa“, e se non ti ricordi vuol dire che sei too old or too young :D!).

Ci può essere qualcosa di più bello di questa tradizione? In “Memoria di una Geisha” uno spezzone del film è dedicato proprio a questa usanza stupenda.

tumblr_mbn5t1Dlp61qgljgko1_1280

“Ancor’ oggi, i giapponesi continuano la tradizione dell’ Hanami, raccogliendosi in gran numero ovunque si trovano gli alberi fioriti ; migliaia di persone affollano i parchi per tenere feste sotto i rami in fiore ed a volte questi festeggiamenti proseguono fino a tarda notte. In più della metà del Giappone, il periodo della fioritura dei ciliegi coincide con l’inizio degli anni scolastici e del lavoro dopo le vacanze e, così, le festività di accoglienza di tali inizi sono spesso aperte proprio con l’Hanami. Il popolo giapponese prosegue la tradizione dell’Hanami prendendo parte a passeggiate in processione nei parchi per vedere la fioritura e questa viene ritenuta una forma di ritiro per contemplare e rinnovare i propri spiriti.

Di solito, la gente si reca ai parchi per prendere i posti migliori per il festeggiamento dell’Hanami, con amici, parenti, colleghi di lavoro, con molte ore di anticipo o addirittura molti giorni prima. In città come Tokyo, è comune il festeggiamento notturno, chiamato yozakura (夜 桜, letteralmente “Sakura di notte”) e in molti luoghi, come il parco di Ueno, si appendono le tipiche lanterne di carta per l’illuminazione notturna, che vengono poi rimosse a feste ultimate.”

(from Eueufemia)

E’ una idea così bella che anche in Italia si prova ad organizzare gli Hanami.

hanami-parco-lago-delleur

E allora? Non resta che dire “Voglio fare con te ciò che la primavera fa con i ciliegi” (P.Neruda).

81886370 101930189 121646637 200460143-001 tumblr_m1vb7gSGkf1qh4vqzo1_500

Il Numero 2

16 Apr

141380957

L’obiettivo è sempre essere i primi. Si dice che si gareggia per vincere (i più agguerriti).

E il mondo si ricorda solo dei primi.

Neil Armstrong sulla luna: fama planetaria. Buzz Aldrin: chi cazzo è? Ve lo dico io. Il secondo uomo sulla luna. Il secondo (e ultimo) componente dell’equipaggio dell’Apollo 11. Anche lui ha studiato come Armstrong, ha superato tutti i difficilissimi test per diventare astronauta. Ha fatto sacrifici, sudato, pianto (immagino). Però poi, dopo la sua carriera alla NASA, è finito depresso e alcolizzato. Mi domando perchè.

Eppure/Oppure: Giorgio Armani, prima di diventare la faccia da scheletro più angelico della moda, si è iscritto a Medicina. Ha frequentato per due anni la Facoltà di Medicina alla Statale di Milano. DUE ANNI. Due anni di studio, memorizzazione, fatica, sacrifici, sudore. Alla prima autopsia sviene (o in ogni caso si impressiona) e lascia. Vi immaginate come ha potuto passare la serata Armani virgola Giorgio, studente di Medicina che non riesce a reggere il contatto con la realtà in cui per DUE ANNI si è immaginato? Non credo si possa fare medicina senza una forte motivazione (contradditemi se sbaglio), credo Giorgio ce l’avesse. Eppure dopo due anni arriva il colpo: Oddio, non ce la posso fare. Sto male, torno a casa. Il senso di sconfitta e tristezza dev’essere stato enorme. E invece quel giorno è stato quanto di meglio poteva capitare a lui e a noi, in quanto fashioniste. Penso sempre a come una sconfitta così bruciante sia stata in effetti l’evento chiave per una svolta nella sua vita. E nella nostra.

Essere secondi, arrivare dopo, eppure, magari, fare la scelta che migliore non si poteva, anche se ancora non era lampante. Anzi, tutto l’opposto.

Oppure arrivare secondi perchè non si ha avuto la forza di arrivare primi.  Chi lo sa.

In Silver Lining Playbook (“Il lato positivo” – di cui, fra parentesi, vi consiglio la lettura del libro e la visione del film, anche non in quest’ordine!) i protagonisti raggiungono un 5 su 10. Un fallimento, per gli altri. Una gioia esplosiva, per loro. Forse dipende dalle aspettative.

E poi c’è un pensierino dolce che mi sovviene: non importa che numero sei per tante persone, se nel ranking magari sei pure ultimo e non solo secondo. Per qualcuno, e ne basta una di persona, sei il numero uno. Forse non lo sai, ma lo sei. E prima o poi lo scoprirai, come Miranda e Steve. “Sei tu la mia numero 1. Lo sei sempre stata”. ADORARE! 😀

In conclusione: nella foto, quale delle due bimbe vi sta più simpatica?

Buona Pasqua con Ladurée!

16 Mar

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi.

Anche con il marchese Ladurée e i suoi inimitabili prodotti dolciari.

Ecco le proposte del marchio francese dei Macarons per eccellenza! Costosine come al solito… Ma di grande impatto! 😀

Ps. Consiglio la sottoscrizione alla newsletter Ladurée, che male non fa di certo. QUI potete inserire la vostra mail ed entrare nel Club Ladurée! Che chic!

Pps. Magari un ovetto chiccosissimo a 14 euro potrei permettermelo. Ma….. ci sarà la sorpresa?! Nel dubbio, mi comprerò qualche macarons sfuso allo “Yuzu Chocolat” e la sorpresa me la faccio da me!

ImageProxy (2)

ImageProxy ImageProxy (1) (DP Pâques (UK) [Mode de compatibilité])

Friday Moodboard. Perchè tutti amano il venerdì

15 Mar

Tutti lo aspettano, tutti lo amano, tutti lo vogliono.

Assaporiamolo.

From Glitterintheair

From Glitterintheair

From PlanetFil

From PlanetFil

From The Daybook

From The Daybook

tumblr_mgnaih5rK11qan456o1_1280-682x1024

classy_faboulous

wishwishwish3

 

From WIsh Wish Wish

From WIsh Wish Wish

www.classy-fabulous.com

3-decor-deco_scandinavian_nordic_style-living_room-decoracion_salon_zpsd97aa214

13b-decor-deco_scandinavian_nordic_style-kids_bedroom-decoracion_habitacion_infantil_zpsdfa99c24

 

From classy and faboulous

From classy and faboulous

IMG_9693

From Life & the City

From Life & the City

From Life & the City

From Life & the City

From Love & Olive oil

From Love & Olive oil

Cose da fare prima dei 30, no 25, facciamo prima di morire. No, dai, 25!

6 Mar

E’ marzo (pazzerello!).

E a giugno compio 25 anni. Per qualche lettore sarò una MILF magari (o MIMF, all’italiana, sapete cosa significa vero? :P), per qualcuno una pischellina ancora in fasce (veneprego, che sia la seconda la più frequente).

In ogni caso, non so, sarà che lavoro (non me la voglio gufare, dunque non dico altro!) e che lavoro un sacco e che ce la metto tutta per lavorare bene e produrre prodotti (quando faccio queste allitterazioni mi sento un po’ come la McGrannit al Ballo del Ceppo – “una balbettante bambocciona banda di babbuini!”, Padoa Schioppa docet )…..

Non so, questi 25 mi sembrano IL punto di svolta (AHHHHHHHHHH, PAUSA SCLERO, GRIDA, URLA, CAPELLI STRAPPATI, MEMBRA DIVELTE, MASSACRI IN ATTO). Non perchè mi senta “vecchia”, ma perchè di solito i 30 sono IL punto. E invece io mi sento questi 25 come un traguardo. Un po’ come i 18.

Quant’è bella giovinezza

che si fugge tuttavia!

Chi vuol esser lieto, sia:

del doman non c’è certezza.

1340798676b

Esatto. E ora devo stare attenta a dire in ufficio “per me dopo i 25 sono tutti vecchi adulti” oppure “quando avevo 18 anni per me i 25enni erano già dei matusa noiosi con la vita bella che andata”.

Per la serie “Vorrei svegliarmi domattina e avere trent’anni, per scoprire… che ne sarà di noi.A MUCCI’, ma statte tranquillo che quell’età arriva!

Quindi. LEGGEREZZA.

MANTRA: si cresce ma non si invecchia. Si diventa grandi ma non si diventa nè noiosi nè ripetitivi. Si aggiungono anni a noi ma noi non togliamo la bellezza di quando avevamo un’età diversa. 

Quindi: lista di cose che voglio fare ENTRO i 25. Prima dei 26, dai, ODDIIIIIO I VENTISEI. Fa niente, focalizziamoci!

Cose veritiere e fattibili però, e non cazzate melense, tipo “guardare negli occhi un monaco buddista e trovare il senso della vita” oppure “sorridere agli sconosciuti e sentirmi una persona migliore”. E nemmeno “dire ti amo sotto le stelle”.

Io voglio qualcosa fuori dalla mia comfort-zone (Jihan mi stai leggendo? Be proud of me! :D), che di solito non farei, ma che è una sorta di battesimo della tribù.

Come quando gli indigeni abbandonavano i bimbi di 12 anni nella giungla che pullulava di giaguari per vedere se erano veri uomini. YEAH!

E allora, viaaaaaa! 

Ps. Dovete assolutamente farmi sapere le vostre liste!!!

1. Leggere “Alla ricerca del tempo perduto” di Proust. E non cavarsela con espressioni tipo “questa cosa è malinconica come la madeleine di proustiana memoria”. Che comunque ho usato per far capire che NE SO 😛 (falsamente).

2. Fare colazione da Tiffany. Ovvero comprare una brioche e andare fino in via della Spiga e mangiarmela guardando le vetrine. Preferibilmente con amiche dato che non mi sento molto a mio agio all’idea. Ho paura di essere ripresa dalle videocamere di sicurezza ed essere scambiata per stalker o ladra.

3. Andare a Disneyland (bè, questo l’ho già fatto in verità 😉 )

4. Imparare a ballare il raggaeton, o l’hip hop, anzi no, per l’esattezza è: imparare a muovere a tempo di musica black il culo. Perdonate davvero ma “muovere il sedere” non rende proprio!!! 😄

5. Andare in mongolfiera. Devo tenere d’occhio Groupon!!!!

6. Superare la mia paura irrazionale illimitata e terrifica degli squali. Almeno in piscina. O almeno dove l’acqua del mare arriva a 30 cm. Purtroppo per me, non sto scherzando.

7. Guardare l’Esorcista

7. Guardare in avanti veloce l’Esorcista

7. Guardare in avanti veloce ridotto quasi a icona l’Esorcista

7. Guardare in avanti veloce ridotto quasi a icona l’Esorcista con qualcuno vicino che mi anticipa tutte le scene e mette i Teletubbies su RaiDue nella tv accanto

7. Guardare in avanti veloce ridotto quasi a icona l’Esorcista con qualcuno vicino che mi anticipa tutte le scene e mette i Teletubbies su RaiDue nella tv accanto e con però lo schermo nero

7. Guardare in avanti veloce ridotto quasi a icona l’Esorcista con qualcuno vicino che mi anticipa tutte le scene e mette i Teletubbies su RaiDue nella tv accanto e con però lo schermo nero e il muto. OH SI’. CHIAMATEMI BRAVEHEART.

8. Mangiare un cibo la cui idea mi fa schifo. Tipo LA TRIPPA.

9. Soggiornare per almeno 3 mesi in un paese straniero (questa però è “prima di morire”!)

10. Mangiare da sola al ristorante senza sentirmi come il tizio di American Pie ripreso con la webcam con Nadia mentre faceva figuracce a GOGO’. Non so, non riesco a farne a meno. Mi sento sempre osservata. E non in un modo positivo. Evito come la peste queste occasioni.

11. Fare Bungee Jumping. Seriamente.

12. Volare in parapendio con l’istruttore appiccicato dietro addosso. UHM………. Forse no. Dopo aver visto Quasi Amici non ne sono più tanto sicura.

13. Andare a ballare a un rave, un’ammucchiata techno, a un insieme di gente scalmanata che balla house come se non ci fosse un domani. E amare ogni singolo momento di delirio.

Quali sono i vostri punti? 😀 Vi prego ditemene qualcuno, sono curiosissima! 😀

Le belle cose.

24 Feb

Quando becchi sulla radio una canzone – un po’ vecchia – che ti piaceva tanto quando eri con la tua amica a fare la scema/col tuo lui a fare… vabbè!/alle medie/con gli amici a far caciara in Puglia/sola soletta sotto le coperte/al ballo della scuola (se sei stata così fortunata da partecipare a un PROM!).

Quando apri il frigo con un languorino vago ma con rassegnazione ma trovi LUI: IL prodotto che non ti aspettavi e che ti solletica la voglia sordida. Tipo il gorgonzola, una pesca, un succo di frutta tuuuutto pieno di zuccheri, la marmellata di fragole, il prosciutto cotto. UAA!! Vale anche per la credenza (che parola old fashion).

Quando compri un nuovo Labello (parlo per me, almeno!).

Quando ti fanno un regalo davvero azzeccato.

Quando guardi una bella foto con la messa a fuoco sul primo piano e lo sfondo sfocato.

Quando qualcuno ti sorprende (in bene).

Quando un film a cui non davi due lire ti sorprende, ti emoziona, ti fa affezionare.

Le puntate dei telefilm americani dedicate al Thanksgiving. La frasi rituali sulla salsa di mirtilli, il tacchino e le patate dolci. Le litigate e i casini della famiglia e gli amici attorno al tavolo. L’happy end della puntata.

L’happy end in generale. Perchè, come disse il saggio, “se voglio la realtà guardo fuori dalla finestra”.

I telefilm americani.

Quando MTV passava solo video. E io me li guardavo tutti.

Videoclash su MTV (chi si ricorda??? :D)

Quando trovi in saldissimo un paio di scarpe che adori. E l’ultimo paio è proooooprio del tuo numero.

I saldi.

Il sabato mattina. Ma anche il sabato pomeriggio. E la domenica mattina. E la domenica pomeriggio. E il venerdì sera.

I tulipani rosa.

Gli elefanti rosa che vede Dumbo quando il topo gli fa bere il vino (che detta così è terrificante!).

La dolcezza della mamma di Dumbo che dalla prigione lo culla con la proboscide (ora devo pensare ad altro, mi stanno già pizzicando gli occhi!).

Le canzoni delle colonne sonore che ti prendono bene.

I film in costume (Pride&Prejudice ma anche Sex and The City… Insomma, ci siamo capite, no?). Che sono una gioia per gli occhi sempre.

I cocktail con i nomi strani. Che ti lanci a provarli e poi fanno schifo, e vorresti aver ordinato il solito noioso cocktail preferito. Ma cambiare ci fa sentire COOL!

6f3fd071a5f158fc6ba3cb35e700d400

Friday Moodboard. Have a nice week end!

22 Feb

Si sta avvicinando un altro week end. Vorrei usare questi due giorni per fare un po’ le cose che faccio di solito… e un po’ no. Fare qualcosa che non è tanto da me, o esplorare nuovi piccoli/grandi orizzonti. Ma prima di tutto voglio coccolarmi con cose belle. Che anche quelle piccine piccine lo sono.

Buon week end Cappuccini! 😀

 

from ubiquechic

honey-kennedy-chris-craymer-romance-book-03

from VivaLuxury

from VivaLuxury

from Bartabac

from Bartabac

a379804814eefd3fb3a7dc038d7958da

from Lovely Pepa

from Lovely Pepa

8450353245_942d98fe2d_b

5pay6Zx

7P4A0090 8-wedding-colors-day-yellow-pink-ideas-inspiration-bodas_macarena_gea_zpsfdaba111

19546_1353143829525_1259293815_3102

from irene's closet

from irene’s closet

 

Friday with Sofia Coppola & Miss Dior :)

15 Feb

Happy friday con uno spot da mille e una notte (directed by Sofia Coppola!)

Secondo me è poesia visiva… No? 🙂

Un giorno come tanti, ma un pizzichino di più per chi ne ha voglia :)

14 Feb

Lo so, lo sooooooooooo:

newsletter “Speciale San Valentino!”, banner di Intimissimi Speciale San Valentino (ehm, sì, si è capito che il reggiseno carioca di pizzo macramè è il pezzo a più alta marginalità dell’azienda :P), menù, ristoranti, regali, cuoricini, pure 4 post gift-guide La Schiuma del Cappuccino a ricordarcelo.

Lo ami, lo odi? Non importa, questo giorno è un appuntamento a cui non si può scampare.Io lo amo, dunque per me potrebbe esserci un giorno al mese (SIIIIIIIIIIIIII)!

La diatriba però è sentita. Uso commerciale del Sentimento. Amore Profondo ridotto a uno scambio di merci (ehm, scusate, ma a Natale che si fa?). Donne sciocchine che bramano regali cucciolosi-puccipucci-coccolosi.

ESATTO! Perchè, come ho scritto alla mia cara amica Annarè, mi piace che ci sia un giorno all’anno in cui parte un esame di coscienza, un bilancio della proprio vita amorosa. Sono innamorata o lui è un amico con cui vado a letto? E nel caso, mi sta bene? Sono contenta perchè finalmente ho trovato LUI? Voglio avere 5 figli nei prossimi 6 mesi? (GLAB) Voglio avere soldi a palate per godermi la mia casa magnifica e vuota? Va benissimo. Il punto è questo: va benissimo tutto! Basta non sbattere in faccia agli altri la propria insofferenza (uuuuuuuuuuuuffa, ma sono così brutta che nessuno mi vuole? Morirò sola?) o, UAAARGH PEGGIO, la propria felicità di coppia-amorosa-sensuale-puccipucciosa (il mio topolino mi porta a cena, voglio farci 12 figli, sono la sua orsacchiotta al sapore di fragola – come Lotso di Toy Story ma più magro e buono, esatto!).

Si può far finta di niente, e oggi passerà.

Ma suvvia, adesso guardate questo video e ditemi che non vi fa commuovere  – o almeno pensare che c’è qualcosa di buono in un giorno dedicato ai sentimenti.

🙂

Meet me on February, 14th. Parte 4 (& last): Genere Home Sweet Home :)

13 Feb

Eccoci, a un soffio dalla giornata “TOP” (domani :P!) con l’ultima delle mie 4 liste: il genere di regali che una donna che ama la casa, le coccole e le cose sfiziose in cucina potrebbe apprezzare!

Buona scorsa alla fotine e… Buon San Valentino! 😀 Per chi è in coppia e per chi vuole farsi un bell’auto-regalo! 😀

20130126-213018.jpg

20130126-213223.jpg 20130126-213155.jpg 20130126-213124.jpg

20130126-202747.jpg

(Questa è la mia personale “schiscettina da lavoro”: 14 euro, alla Mondadori! 😀

Con un sacco di vani utili e un pizzichino di schiccheria! :P)

20130126-213024.jpg 20130126-212857.jpg 20130126-212917.jpg 20130126-212846.jpg 20130126-212841.jpg 20130126-212836.jpg 20130126-212831.jpg