How to // Sopravvivere al rientro. Tip #1

26 Ago

Eccoci. Se siete ancora in vacanza, beati voi, non leggete questo post che vi fa male ;). Se invece, come me, siete tornati in ufficio, in università, a scuola, a casa, insomma dalle vacanze e dalla bella vita, questo post (e quelli che seguiranno) sono per voi.

Il rientro è contronatura, si fa fatica, viene il magone, si stravolge di nuovo la vita, si torna. Ho sempre odiato i titoli sul genere “Back to school” (che ansia)… Però non mi arrendo: tutti abbiamo bisogno di supporto e consigli su come tornare alla nostra “everyday life”. E allora, da oggi e per un tempo indefinito, ogni giorno un TIP su come sopravvivere al rientro, alla fine dell’estate, alla fine dei giochi. 

bd266428ccbbf9e07562fe89d4104623

Perchè sono con voi e ce la dobbiamo fare. For your eyes only, ogni giorno un consiglio, un tip, un parere su come affrontare questo delicato periodo dell’anno, sospesi fra mood zen alla Osho e mood blondie alla Cosmopolitan.

In fondo, non sentite già in sottofondo Mariah Carey con “All I Want for Christmas is You“? IO SI’. E dunque.

TIP #1: Le vacanze sono belle perchè sono vacanze. Punto.

EMBE’? Direte voi. Lo so. Ho scoperto l’acqua calda, ma, ahò, ricordatevi che se non ci fosse l’acqua calda si morirebbe congelati.

Quindi: la bellezza delle vacanze senza pensieri sta proprio nel fatto che sono vacanze. E senza pensieri. E’ uno spazio-tempo privilegiato, in cui si vive all’ennesima potenza (cfr immagine sopra!). Non è la vita reale. “Se io potessi, vivrei sempre in vacanza”, dice Jova. I know. Ma dove siete stati in vacanza quest’anno? Maldive? Portorico? Seychelles? Oporto in Portogallo e Senigallia? (Le ultime due riguardano la sottoscritta, arriverà un post personalissimo “City Guide: Oporto a misura di Cappuccino”! :D). Bene. Vi sono piaciute le vostre mete? OVVIO. Ci vivreste? MAH.

Già li sento i commenti: “Sì, bello, ma che caldo! Sì bello ma non c’è la movida come nella mia città! Sì bello ma mi mancano i panzerotti di Luini! Sì bello ma non ci vivrei! Ecc Ecc”. Quindi pensate/pensiamo a questo: there’s no place like home (qualsiasi sia la vostra).

E’ stato un ottimo diversivo, divertente, ma pensateci: dopo una settimana di mare non vi mancano…. che ne so… le librerie? Quelle grandi, vere, variopinte. Non vi mancano le vostre serie tv formato dvd? Non vi mancano le profumerie, questi mondi perfetti e incantati? Non vi mancano i vostri ristoranti preferiti, la vostra pizzeria? Non vi mancano, almeno un po’, i vostri quartieri?

Voi non siete (noi non  siamo) le vostre vacanze. Le vacanze sono noi, per un certo periodo, poi noi torniamo noi, e in questo non vi è davvero nulla di male. NULLA. DI. MALE.

Questa è la mia prima prospettiva. Perchè per il DAY 1 il tip migliore è: filosofia e rassegnazione, da interpretare in chiave sprint.

A domani! 🙂

Annunci

6 Risposte to “How to // Sopravvivere al rientro. Tip #1”

  1. giuliandgiuls 26 agosto 2013 a 17:54 #

    Hai proprio ragione! Le vacanze non sarebbero le stesse se ci fossero tutto l’anno! decisamente NO. Sono belle e irraggiungibili! Ma va bene così. Come il bello stronzo che ci piaceva alle medie. Finché c’è sei in paradiso, e quando non c’è più….
    Io già penso al natale. Si il NATALE. Perché è bellissimo, ci sono le lucine e si può mangiare tanta cioccolata, perché tanto è Natale.
    Un saluto, Giuls

  2. essereincompresi 27 agosto 2013 a 08:28 #

    Sono d’accordissimo con Giuls e con te… le vacanze sono belle proprio perchè sono rare e tanto attese…
    Infatti ricordo ai tempi delle medie quando avevo tutta l’estate libera… dopo un pò iniziavo a schizzare male… non fare nulla per due mesi e mezzo era pesante… anche se ora effettivamente me le godrei in modo diverso….

    Le vacanze sono come quando da piccoli aspettavamo la notte di natale per poi svegliarci e trovare le sorprese sotto all’albero…

    e tra un pò arriverà già anche il natale… che è magico anche quello

    • La schiuma del cappuccino 27 agosto 2013 a 08:33 #

      Il punto secondo me é l’idea delle vacanze come spazio bianco… Attira e affascina! Ma mi ricordo una volta, al liceo, una ragazza aveva ricominciato il primo anno perchè per un incidente alla gamba o simili non aveva potuto frequentare l’anno e aveva partecipato in classe solo, per dire, settembre e ottobre… E io e un’altra ragazza: “nooooo na che pacchia!! Un anno scolastico a casa!!” E lei ha fatto una faccia terribile, come a dire “sì, magari non fare i compiti per un mese…. Ma poi….” 😉

Trackbacks/Pingbacks

  1. How to // Sopravvivere al rientro. Tip #2 | La Schiuma del Cappuccino - 27 agosto 2013

    […] letto il post di ieri? : ) Oggi altro tip. Altro giro, altra […]

  2. How to\ Sopravvivere al rientro. Tip #6 | La Schiuma del Cappuccino - 2 settembre 2013

    […] siete appena tornati (beati voi) ripassatevi tutti i tip, 1, 2, 3, 4 e 5, e poi leggete il numero 6 […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: